Fiori sopra l’inferno

Sono un commissario di polizia specializzato in profiling e ogni giorno cammino sopra l’inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma […] Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura”.

Continua a leggere

Il mio profilo migliore

Una sera, girando i canali alla ricerca di qualcosa che mi aiutasse a passare la serata, ho visto che trasmettevano in tv questo film uscito un anno fa, nel 2019. Attratta da Juliette Binoche, l’ho scelto. Nessun altro interesse particolare. E qualche spunto di riflessione.

Continua a leggere

Referendum2020

Il 20 e il 21 settembre 2020 si voterà per un referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari di Camera e Senato. È un referendum costituzionale, quindi non è previsto quorum. Il sì dà il via libera alla riduzione del numero dei parlamentari, con la modifica degli articoli 56 e 57 della Costituzione. È un taglio lineare, che non tocca le funzioni di Camera e Senato (il bicameralismo paritario): il numero dei deputati passa dagli attuali 630 a 400, quello dei senatori eletti da 315 a 200.

Continua a leggere

Georges de La Tour

Le figure di La Tour godono spesso della potenza espressiva dell’isolamento, ma sia i personaggi raffigurati nel silenzio e nell’immobilità, sia quelli in conversazione, come nella ‘Buona ventura’ e nei ‘Giocatori di dadi’, sia quelli travolti dal rumore del reale nelle scene di taverna o di rissa, non sono del tutto immuni da una certa capacità dell’artista di scavare nell’interiorità dell’essere umano” (Pierre Rosenberg)

Continua a leggere

Una donna e altri animali

“Non è un’autobiografia. Giuro che non lo è. Che non lo sarà. Però ci saranno dentro, è fatale, un sacco di particolari e contorni autobiografici, l’infanzia nel primo fascismo, la giovinezza in guerra, la lotta partigiana, l’involuzione amara del ’48, l’ingenuo rinvenimento del ’68 attraverso i figli, l’ironica rassegnazione del dopo. E padri, madri, fratelli, nonni, zii, cugini, compagni. E naturalmente cani, gatti, uccelli domestici. Non potrei scrivere quel libro, forse nessun libro, senza averci messo dentro gli animali, per un verso o per l’altro”.

Continua a leggere