Purgatorio dell’angelo (11)

“No, non c’è niente che non si possa confessare. Serve solo tanta fiducia. E molto, molto coraggio”  Continua a leggere

Rondini d’inverno (10)

“Prendete una femmina, brigadie’. Una normale, una come le altre. Datele un talento, quello della finzione, e datele gli strumenti: i vestiti, i trucchi, i profumi; le calze con la riga e le scarpe col tacco. Tagliatele i capelli alla maschietta, mettetele un cappellino all’ultima moda e un collo di pelliccia. Poi eccola sorridere, con quei denti talmente bianchi che ti gira la testa a guardarli, o ridere con una risata che sembra un suono di perle sul pavimento. Una femmina così non ha limiti, brigadie’, ve lo dico io. Una così, se vuole un uomo, se lo piglia.

Sì, la nebbia nasconde la verità, però non la cambia. Se cerchi bene, alla fine salta fuori.”  Continua a leggere

Scorre la Senna – Fred Vargas

Eppure lei aveva gli occhi di un uomo capace di comprendere che la salvaguardia delle quisquilie  getta le basi per il fiorire delle grandi cose. Fra l’insignificante e il grandioso non c’è nemmeno la distanza di un’unghia. 

Continua a leggere

7 – 7 – 2007

Rocco Schiavone: un personaggio con luci e ombre che fa discutere da quando è arrivato in televisione. Diventa addirittura oggetto di minacciate interpellanze parlamentari da parte di Gasparri, Quagliariello e Giovanardi.
Sorprendente! Perché non esiste realmente questo Rocco Schiavone, è un personaggio di carta prima di diventare televisivo, uno di quegli eroi controversi di cui la letteratura poliziesca è piena. Basta pensare a John Rebus uno dei migliori personaggi del genere, nato dalla penna di Ian Rankin, scrittore scozzese. Continua a leggere

Le povere signore Gallardo

L’ambientazione a Genova e la copertina che richiama un po’ i vecchi merletti e miss Marple mi hanno attratto subito. Un’attrazione intuitiva, senza nessun’altra ragione. Continua a leggere

Serenata senza nome (9)

Ed eccomi al nono appuntamento con Ricciardi. Fine ottobre, a Napoli nei primi anni trenta.
Ho dovuto immergermi in un clima piovoso e autunnale; ho seguito Ricciardi, Maione, i vecchi e i nuovi personaggi in quest’ultima avventura. Con la pioggia che entra nelle scarpe e inzuppa gli abiti. Un autunno freddo che accompagna la tristezza di legami interrotti, di separazioni e di perdite. Continua a leggere

Anime di vetro (8)

images.jpg

Settembre a Napoli: torna in città Enrica; Ricciardi è chiuso nel dolore per la perdita di Rosa; Maione è preoccupato per lui; Livia continua a sperare nel suo amore e tutto riprende dall’ultima avventura. Continua a leggere